Chiudi
Cerca
Filters

ll Salva Cremasco è un formaggio morbido da tavola, a pasta cruda, prodotto esclusivamente con latte di vacca intero, a crosta lavata. 
Il Salva Cremasco si presenta con una forma parallelepipeda con faccia piana di lato compreso tra 11 e 13 cm. o tra 17 o 19 cm; lo scalzo è diritto compreso tra 9 e 15 cm; il peso è compreso tra 1,3 Kg. a 1,9 Kg. o da 3 Kg. a 5 Kg.

La crosta di spessore sottile è liscia a volte fiorita, di consistenza media con presenza di microflora caratteristica. La pasta con occhiatura rara distribuita irregolarmente ha consistenza tendenzialmente compatta, friabile, più morbida nella parte immediatamente sotto la crosta per effetto della maturazione prettamente centripeta.

La pasta del Salva Cremasco è di colore bianco che tende al paglierino con l’aumentare della stagionatura con fenomeni di proteolisi nel sottocrosta. Al gusto la pasta è di sapore aromatico ed intenso che assume connotazioni più pronunciate con il trascorrere della stagionatura. 

La sua struttura del formaggio, sotto la pressione delle dita, non è assolutamente elastica, d’altrone l’elevata acidità non può che dare una struttura poco elastica ed eccessivamente dura, prima è friabile e poi anche un poco farinosa ed una piccola parte della pasta delSalva Cremasco risulta essere adesiva.

La stagionatura del Salva Cremasco deve avvenire in ambienti che hanno una umidità naturale o controllata da 80/90% e con una temperatura compresa tra 2 e 8 °C in rapporto alle condizioni di temperatura esterna, su assi di legno.
Durante il periodo di stagionatura, che si protrae per un periodo minimo di 75 giorni, la forma viene frequentemente rivoltata. E' ammesso il trattamento della forma di formaggio con un panno imbevuto di soluzione alcalina o spazzolata a secco, al fine di mantenere le caratteristiche della crosta e ridurre le ife, contribuendo a far assumere alla forma la colorazione caratteristica.
Non è ammesso alcun trattamento della crosta, fatte salve le normali spugnature con acqua e sale, l'eventuale uso di olio alimentare ed erbe aromatiche. 

Le caratteristiche chimiche del formaggio “Salva Cremasco” DOP all’atto dell’immissione al consumo sono le seguenti:

  • grasso sulla sostanza secca min. 48%
  • estratto secco min. 53%
  • tenore di furosina max 14 mg/100 g. proteina


Zona di produzione
La zona di produzione del Salva Cremasco comprende l’intero territorio delle province di: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Milano.

Scrivi una recensione
  • Solo gli utenti registrati possono scrivere recensioni
  • Pessimo
  • Eccellente

Cell. 348 2506837 | info@ilchiccoduva.eu

Il formaggio Salva Cremasco DOP è un formaggio asciutto e friabile che un tempo veniva prodotto nel mese di Maggio per utilizzare le eccedenze di latte di quel periodo dell'anno: "Salva" perchè salvava l'economia di molti caseifici.

Forma da 3,5 Kg.
Il prodotto è disponibile in 7 - 10 giorni lavorativi.
€54,50

ll Salva Cremasco è un formaggio morbido da tavola, a pasta cruda, prodotto esclusivamente con latte di vacca intero, a crosta lavata. 
Il Salva Cremasco si presenta con una forma parallelepipeda con faccia piana di lato compreso tra 11 e 13 cm. o tra 17 o 19 cm; lo scalzo è diritto compreso tra 9 e 15 cm; il peso è compreso tra 1,3 Kg. a 1,9 Kg. o da 3 Kg. a 5 Kg.

La crosta di spessore sottile è liscia a volte fiorita, di consistenza media con presenza di microflora caratteristica. La pasta con occhiatura rara distribuita irregolarmente ha consistenza tendenzialmente compatta, friabile, più morbida nella parte immediatamente sotto la crosta per effetto della maturazione prettamente centripeta.

La pasta del Salva Cremasco è di colore bianco che tende al paglierino con l’aumentare della stagionatura con fenomeni di proteolisi nel sottocrosta. Al gusto la pasta è di sapore aromatico ed intenso che assume connotazioni più pronunciate con il trascorrere della stagionatura. 

La sua struttura del formaggio, sotto la pressione delle dita, non è assolutamente elastica, d’altrone l’elevata acidità non può che dare una struttura poco elastica ed eccessivamente dura, prima è friabile e poi anche un poco farinosa ed una piccola parte della pasta delSalva Cremasco risulta essere adesiva.

La stagionatura del Salva Cremasco deve avvenire in ambienti che hanno una umidità naturale o controllata da 80/90% e con una temperatura compresa tra 2 e 8 °C in rapporto alle condizioni di temperatura esterna, su assi di legno.
Durante il periodo di stagionatura, che si protrae per un periodo minimo di 75 giorni, la forma viene frequentemente rivoltata. E' ammesso il trattamento della forma di formaggio con un panno imbevuto di soluzione alcalina o spazzolata a secco, al fine di mantenere le caratteristiche della crosta e ridurre le ife, contribuendo a far assumere alla forma la colorazione caratteristica.
Non è ammesso alcun trattamento della crosta, fatte salve le normali spugnature con acqua e sale, l'eventuale uso di olio alimentare ed erbe aromatiche. 

Le caratteristiche chimiche del formaggio “Salva Cremasco” DOP all’atto dell’immissione al consumo sono le seguenti:

  • grasso sulla sostanza secca min. 48%
  • estratto secco min. 53%
  • tenore di furosina max 14 mg/100 g. proteina


Zona di produzione
La zona di produzione del Salva Cremasco comprende l’intero territorio delle province di: Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi, Milano.

Il Chicco d'Uva - Magazine